19 ottobre, 2012

recensione ULTIMAMENTE MI SVEGLIO FELICE - LISA CORVA

Lei è una ragazza dalle unghie blu che lascia una scia luccicante dietro di se ma chi sarà? Il suo nome è un mistero che si svelerà solo alla fine, per sua madre è Asmara ma, grazie alla nonna acquisita che la fa battezzare, a lei piace farsi chiamare Benedetta.
Dunque, Benedetta-Asmara è come direbbe sua madre una profumiera ovvero si occupa di ricreare fraganze che sanno di ricordi per le varie star di turno che vogliono lanciare un proprio profumo sul mercato.
Vive tra Londra e Parigi per lavoro ma non ha una vera casa, sua madre, l'unica famiglia che ha, vive a Milano e a  causa di un suo malore è costretta a tornare più volte nella casa dove è cresciuta. Benedetta, infatti, vive solo per il suo lavoro ormai in una vita priva di affetti, in un letto riscaldato dal phon prima di dormire e con due telefoni sul cuscino in attesa di una vibrazione o cicalino che la teletrasporti in un altro universo in cui lei è felice con l'uomo dalla maglia a righe. Ma chi è quest'uomo? Nell'era di internet e dei social network è facile "incontrare" qualcuno così ma, possiamo dire di conoscere davvero qualcuno in questo modo?

Ogni capitolo è preceduto da messaggi apparsi su un quotidiano e che fungono da buongiorno, pensieri e poesie di autori vari che sembrano rivolgersi proprio a Benedetta e a quanto pare, non solo a lei come ho capito nel corso del romanzo.

Il titolo, come raccontato nella storia, deriva da uno status postato da un'amica morente, il che sembra un ossimoro, non vi pare? La storia potrebbe essere ispirata alla realtà e alla stessa autrice, non è esplicitamente detto ma si intuisce qualcosa dai ringraziamenti.

Un libro che parla di fame d'amore, quella di una donna non più giovanissima per l'uomo dei suoi sogni si direbbe ma di fatto una ricerca d'amore che affonda le radici nelle sue origini, nelle figure familiari che le sono mancate nell'infanzia e non solo.
L'ho sentito vicino in alcune parti, in quella voglia d'amare ed essere riamati, riesce a coinvolgere perchè tutti, in genere, siamo succubi dell'amore sia che ci sia che se non ci sia, sia che lo cerchiamo che se lo rifuggiamo.

1 commento:

stella dell 'est ha detto...

deve essere molto bello!buona serata Stefy.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...