01 novembre, 2012

Dal torrone a "dolcetto o scherzetto?"


Il primo  novembre è  festa di precetto che commemora  tutti i Santi e i martiri. L’abbiamo imparato a scuola, forse poco interessati al valore religioso e più propensi ad apprezzare il giorno di festa in cui ingozzarsi con il torrone.  Insomma, la festa sembrava essere più la nostra che dei Santi.


Oggi, i tempi son cambiati e i bambini a scuola attendono Halloween per potersi travestire da mostri, streghe e fantasmi, sulla scia di tradizioni che non ci appartengono, ma che, a dirla tutta, non son poi così distanti da noi.

E sì, perché la scelta del 1 novembre per far cadere la festa di precetto non fu certo casuale, ma come già accaduto in altre occasioni, stabilita nel tentativo di sostituire antiche cerimonie non cristiane, ma appartenenti a  rituali pagani o ad altre religioni.

Nella notte tra il 31 ottobre e il 1 novembre, infatti, le popolazioni celtiche erano solite festeggiare Samhain, oggi  noto come Halloween, ovvero il capodanno.

Sì, proprio il capodanno.

Per le antiche popolazioni, infatti, coincideva con l’inizio dell’inverno e rappresentava anche la fine dell’anno lavorativo, quando  la terra riposava per prepararsi a dare i nuovi frutti.

E questa notte accadeva, secondo la tradizione, qualcosa di “magico”: l’invisibile divisorio che separava la dimensione dei vivi dalla dimensione dei defunti, perdeva consistenza e i morti potevano scorrazzare tra i vivi per far loro visita o per spaventarli. Allo stesso tempo, ai vivi era concesso poterli vedere ed udire.

Ed ecco che con l’avvento del Cristianesimo era dunque necessario non solo sostituire il capodanno celtico, ma anche sostituire il concetto di notte degli spiriti ed il 2 novembre fu stabilita come data  per commemorare tutti i defunti.

Insomma, non è una nostra festa, ma è anche più antica della nostra. E la nostra si è adeguata a quella già esistente. E se è vero che la vita è una ruota, forse è giusto che torni ad essere festeggiata, anche se io non riesco a sentirla parte della nostra tradizione.

La festa di Halloween è ormai attesa quasi più del Carnevale: i bambini non vedono l’ora di festeggiare in ambienti dall’atmosfera tetra, con pipistrelli, zucche illuminate e ragnatele con ragni giganti. E son pronti ad impersonare fantasmi, mostri, zombie e streghe cattive… Figure che un tempo erano usate per terrorizzarli, sono oggi il loro strumento per divertirsi.

Il massimo che poteva capitare, quando io ero bambina, era di veder arrivare a casa il vassoio di diversi gusti di  torrone su cui catapultarsi nel giorno che a scuola non si andava. Non so nel resto d’Italia, ma in Campania c’è l’usanza di preparare un’infinita varietà  di torrone dai gusti  più diversi: tradizionale, cassata, cremino, pistacchio, caffè…


Oggi è più facile veder qualche pezzo di torrone, tra biscotti, caramelle, cioccolatini e torte di zucca.

E se suona il campanello e non aspettate nessuno, non c’è da stupirsi nel trovarsi una piccola strega ed un piccolo fantasma dall’aria testarda, più che minacciosa,  che in coro vi  chiedono la frase di rito: “Dolcetto o scherzetto?”.   

Buona festa di tutti i Santi e buon Halloween a tutti.

by Lisa


4 commenti:

stefania ha detto...

Non festeggio Halloween ma da cattolica festeggio i Santi l'1 e ricordo i defunti il 2. Da me in Puglia non si usa il torrone se non a Natale ma, c'era la tradizione di girare il 2 novembre chiedendo (in dialetto) un fico secco (dolce dei poveri anni addietro) per l'anima degli estinti :).

fenix ha detto...

Non conoscevo l'origine di questa festa e l'ho trovata molto interessante. Anch'io non la sento mia, ma semplicemente perchè quando noi eravamo piccoli, non la si festeggiava come adesso in italia e quindi non ho ricordi particolari legati a questo giorno.
Golosa l'usanza del torrone che invece qua in Lombardia non c'è mai stata - e a dire il vero non credo ci siano mai state tradizioni particolari legate a questa ricorrenza.

Stefy ha detto...

Non ho mai festeggiato Halloween e mai lo festeggerò, non ha nulla a che fare con noi, è solo un'altra trovata commerciale...
Quei torroni nella foto, sono la fine del mondo... qui da noi non c'è nessuna usanza...

Lisa ha detto...

E allora catapultatevi a Napoli nella settimana dei torroni e non vene pentirete... tranne che per la linea. ;-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...