01 gennaio, 2013

La coscienza non è solo di noi umani!


-Mahatma Ghandi sosteneva: "La grandezza di una nazione e il suo progresso morale si possono giudicare dal modo in cui si tratta gli animali".
 

-Leonardo da Vinci scrisse: "Verrà un tempo in cui considereremo l'uccisione di un animale con lo stesso biasimo con cui consideriamo oggi quella di un uomo".

Salve a tutti e Buon Anno da me,Stefylu e da tutti noi di questo blog.
Fare questo editoriale all'inizio di un nuovo anno tocca a me e farlo in un anno che dovrebbe essere  speciale secondo certe antiche popolazioni, come momento di grandi cambiamenti per tutti, mi ha portato a ricercare un argomento che ha molto a che fare con una mia scelta degli ultimi tempi. Non ve la svelo perché forse la intuirete alla fine del post.
E per cominciare anche se vi tedierò riportando alcune cose , vi devo dire che mi sono andata a fare un ripasso del significato della parola "Coscienza" in Wikipedia :
-Coscienza, in ambito neurologico, è lo stato di vigilanza della mente contrapposta al coma.

-Coscienza, in ambito psicologico, è lo stato o l'atto di essere consci, contrapposta all'inconscio: esperienza soggettiva di eventi o di sensazioni.
-Coscienza, in ambito psichiatrico, come funzione psichica capace di intendere, definire e separare l’io dal mondo esterno.
-Coscienza, in ambito etico, come capacità di distinguere il bene e il male per comportarsi di conseguenza, contrapposta all'incoscienza.
-Coscienza, in ambito filosofico, ha assunto nel corso della storia della filosofia significati particolari e specifici distinguendosi dal termine generico di consapevolezza, attività con la quale il soggetto entra in possesso di un sapere.
-Autocoscienza, come riflessione del pensiero su se stesso.
In antichità per coscienza s'intendeva uno stato di sintonia interiore fra tre centri che si pensavano come indipendenti e  che quindi questa sintonia portava l'uomo alla ragione. Oggi si sa che la coscienza è un vero e proprio processo dinamico protratto nel tempo in cui si attua la capacità di comprendere ciò che accade intorno e dentro se stessi, permeando la nuova conoscenza con la vecchia, assumendo la consapevolezza del tutto e indirizzando l'esistenza al bene.

Quante cose sono cambiate nei secoli nella considerazione che l'uomo ha dell'animale? L'uomo ha evoluto le sue idee?
Sì, ma peccato che alla fine pensa sempre che debba avere il predominio sulla natura e quindi anche sugli animali.
Ci sono varie prove della coscienza degli animali... anche gli sperimentatori che lavorano negli stabulari con i ratti, affermano che questi animali riconoscono e cercano di interagire col loro “proprietario di gabbia”  quando fin da subito lo riconoscono dalla voce, tanto che si chiede, all’uomo, di restare il più neutro possibile, pena l’invalidità dell’esperimento. 

Eppure il 7luglio uomini che guidano i mezzi d'informazione hanno preferito dare poco e niente risalto alla notizia siglata da un gruppo di scienziati, alla presenza di Stephen Hawking, la “Dichiarazione di Cambridge sulla coscienza”, la quale afferma che gli animali sono coscienti e consapevoli allo stesso livello degli esseri umani.
Per adesso la lista comprende tutti i vertebrati e, tra gli invertebrati, il polpo.

Spero che dopo questa prova provata, la nostra evoluzione continui in questo senso e si prenda noi tutti completamente coscienza che l'animale non ha solo l’istinto, che si contrappone alla ragione umana, ma ha una sua proprietà seziente e pensante.
Bisognerà cambiare norme, leggi e regole e crearne di vere per il diritto degli animali e non solo per la loro difesa, ma credo che in primis è il nostro pensare che va modificato dalla base.
Leggevo di quello che mi pare già un passetto avanti perché, dopo un’attesa lunga quasi 70 anni,  siamo molto vicini all'approvazione della legge di ridefinizione dei rapporti in condominio. Infatti una norma è inserita nel testo approvato alla Camera su una riforma al riguardo, dove , all’articolo 1138 del Codice civile, dal titolo “regolamenti di condominio”, si dichiara che in nessun modo può essere bandita la presenza degli animali domestici. 

 Quindi è stato inserito un comma nuovo di zecca all’articolo sopracitato, laddove si pone in risalto all’articolo 16 della riforma del condominio come “Le norme del regolamento non possono porre limiti alle destinazioni d’uso delle unità di proprietà esclusiva né vietare di possedere o detenere animali da compagnia”. 
Da notare, secondo me, che questo testo  è passato ottenendo un solo voto contrario e quindi voglio credere che l’ultimo ok del Senato sarà una pura formalità.

Quasi sono contenta che gli animali possano a volte riuscire a vendicarsi delle malefatte di noi uomini, ma lo sappiamo che non possono citarci in tribunale per le stesse e difendersi.

Mi auguro di cuore che fiocchino a raffica nuove formazioni di movimenti per l'affermazione dei diritti dei non-umani.

Vi lascio alle vostre riflessioni con foto che parlano di storie di amicizia fra animali di diverse specie... storie spesso indissolubili fino alla morte.


Questa storia per iniziare credo valga per tantissime altre ed è da vedere video qui: http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=eTUIfHyHQRs 
E' l’amicizia tra un gigante orango e un piccolo anatroccolo la cui curiosa vicenda è stata filmata e postata su Youtube da un visitatore di uno zoo.
L’orango aveva notato, infatti, un piccolo anatroccolo, che molto probabilmente era stato abbandonato dalla madre che cercava di mantenersi a galla, con molta difficoltà, proprio nel suo stagno.Il possente orango stacca una foglia e gliela porge, sperando che il piccolo uccello riesca a beccarla e attaccarsi.L’orango riesce alla fine ad afferrare l’anatroccolo e poggiarlo sull’erba. E  quello che forse poteva sembrare un gesto spaventoso e terrificante quando poco dopo lo ha ripreso e se lo è avvicinato al muso quasi volesse mangiarlo, si è rivelato  solo un modo per assicurarsi, più da vicino, che il piccolo animale stesse bene.
L'uccellino Peeps sembra quasi uscito dalla storia di Luis Sepulveda che ha ispirato il cartone"La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare".
Infatti nel Michingan questo pettirosso preferisce trascorrere il suo tempo accovacciato sulla schiena dei gatti.

Questa foto mostra uno strano legame nato fra un gatto e un delfino nel Parco acquatico 'Theater of the sea', nelle isole Keys, vicino la Florida. Ma i gatti non avevano paura dell'acqua?


Da qualche anno su una spiaggia del lago di Van,in Turchia, tra un gatto e una volpe si è instaurato un legame di amicizia vera e speciale tra un gatto e una volpe. Un'amicizia iniziata con la condivisione di un pasto a base di pesce lasciato lì da un pescatore, dopo cui ogni giorno condividono tutto.Qui il video:
http://www.youtube.com/watch?v=hoDarqpr1wc

 


Nel maggio del 2011, in un tg padovano, fu data notizia di una gattina rimasta cieca poco dopo la nascita, abbandonata in un garage e adottata da una ragazza che viveva con una cagnetta bastardina di due anni, di nome Ida, e due gattini. La cosa bella della storia era che la cagnetta si prende cura di Emi e la guida ovunque. La accompagna a passeggiare, a mangiare, a bere e diventa iperprotettiva con chi avvicina la gattina, mentre ha un rapporto piuttosto distaccato con gli altri due gatti che vivono nella stessa casa, come se comprendesse che  Emi è il componente più debole della famiglia. La cosa curiosa è  che Ida ha preso alcune abitudini che sono tipiche dei gatti, come quella di leccarsi il pelo tutte le sere prima di addormentarsi.

 Questi sono , Suryia l'orango e Roscoe il cane in South California.
“La prima volta che si sono incontrati, Roscoe era stato trovato abbandonato ed appena entrato nella gabbia, Suryia gli è corsa incontro. Immediatamente i due hanno iniziato a giocare e da allora non si sono più lasciati.” – dichiara un dipendente della riserva - ”Solitamente i cani sono spaventati dai primati!


Credo che sia solo questione di voler prendere atto di certi dato di fatto, fra cui che noi uomini ne abbiamo da imparare dagli animali!

Buon 2013 a tutti ...
★˛˚˛*˛°.˛*.˛°˛.*★˚˛*˛°.˛*.˛°˛.*★Buon*★* 。*˛.
˛°_██_*.。*./ ♥ \ .˛* .˛。.˛.*.★*Anno Nuovo*★ 。*
˛. (´• ̮•)*.。*/♫.♫\*˛.* ˛_Π_____.♥ a te ♥ ˛* ˛*
.°( . • . ) ˛°./• ‘♫ ‘ •\.˛*./______/~\*. ˛*.。˛* ˛.*。
*( .’•’. ) *˛╬╬╬╬╬˛°.|田田 |門|╬╬╬╬╬*˚...da Stefylu


5 commenti:

❀~ Simo ♥~ ha detto...

Buon Anno Amica!

le ricette di Ninì ha detto...

Buon Anno!!!un abbraccio

Lisa ha detto...

Capisco ciò che intendi, Stefylù, ma anche nel regno animale c'è il forte che tenta di assogettare o anche ammazzare il più debole. L'uomo non è da meno, purtroppo. Del resto anche noi deriviamo dal regno animale e benché abbiamo sviluppato per primi una coscienza, siamo anche i primi a metterla in discussione: con noi stessi e con le altre specie. Impareremo mai? BUON ANNO a te e a tutti.

fenix ha detto...

Bellissimo editoriale.
Dall'approfondimento del significato della parola coscienza...alla coscienza degli animali...che come sempre sanno sorprenderci e spiazzarci:)
buon anno a tutte!

stefania ha detto...

interessante, non sono un'amante degli animali, eccezion fatta per i cuccioli ma, li rispetto e non mi piace chi li maltratta o usa per scopi puramente personali ed egoistici

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...