26 novembre, 2014

NO, NON PUO' SUCCEDERE PROPRIO A ME - Storia di Annamaria B. -

PUNTO DI SVOLTA  - storie di gente comune -
di Laura Marabelli

C'è un momento in cui la vita compie uno scarto e muta.

Ti trovi a un bivio, imbocchi una via anziché un’altra e solo dopo capisci il perché...

Annamaria, una vita come tante altre, divisa  tra lavoro, marito e figli ... poi la malattia.
Annamaria scopre di avere il cancro, in un momento già difficile della sua vita, sua madre è morta da appena 15 giorni, dopo una lunga malattia e lei sta cercando di ritrovare un pò di serenità.
 ... una sera mentre ero sotto la doccia mi sono soffermata, trattenendo il respiro, 
con la mano su una zona del seno....un nodulo?!.....
Ma che scherziamo?!
No, non può essere, non può succedere proprio a me.....
Scrivi sul tuo blog - UnAzzurroCielo
...ho un ricordo forte e preciso di quel 6 agosto 2013 , l'incontro col cancro
è un qualcosa di travolgente come se ti trovassi all'improvviso dentro un tornado...
ma di una cosa sei certa: da quel tornado ne vuoi uscire, 
magari sei malconcia e un pò  un rottame...
però....
Come stai adesso Annamaria?
Indubbiamente, essendo ormai alla fine del percorso di terapie, mi sento di dire che sto bene .  
Fisicamente sto recuperando le forze, ci sono vari doloretti che prima non avevo, la stanchezza mi è rimasta , il cervello è in modalità bradipo, ma diciamo che sto bene!
In realtà per me è difficile pronunciare queste parole, forse non le dico per scaramanzia, perchè il cancro mi ha colpito in un momento in cui ero già vulnerabile e la paura che se abbasso la guardia mi ritorni, è ancora tanta. 
Sono consapevole di essere stata graziata dalla vita e sto cercando con tutta me stessa di riacciuffarla. L'incontro con la malattia, con il cancro, è stato uno spartiacque, il mio punto di svolta.
Mi è stata data  la possibilità di una seconda Vita e la sto ricostruendo giorno dopo giorno, con in più  un bagaglio di esperienze forti che non posso dimenticare.
Scrivere, dici, ti fa star bene e vuoi fare cose che ti fanno star bene.
Ti va di parlarci del laboratorio di scrittura espressiva al quale hai partecipato?
Ho partecipato al "laboratorio di scrittura espressiva" organizzato all'irst di Meldola (Fc) per i suoi pazienti oncologici. 
E' un'esperienza che per me ha avuto un'importanza grandissima.
Perchè è come se si fosse fatta una breccia nel muro che conteneva tutte le emozioni, le sofferenze, le paure e anche le gioie del periodo della malattia. 
E' guidato da una psicologa dell'istituto. Si parte dalla lettura di un brano o di una poesia e poi si scrive quello che si sente in quel momento, liberando le emozioni.
Poi si è liberi di leggere e condividere con gli altri del gruppo ciò che si è scritto. Per me è stato determinante e da lì ho maturato l'idea e il bisogno di aprire un blog, dove parlare della mia malattia, ed è veramente straordinario condividere con altre persone le stesse esperienze, perchè capisci e senti che non sei solo. 
Ultimamente ho ricevuto la mail di una donna alla quale hanno diagnosticato un cancro al seno ed era disperata, perchè quando ti viene detto che hai un tumore ricevi una mazzata incredibile e tutto il mondo ti crolla addosso. Ma quando mi ha scritto che, leggendo i miei post, si è sentita meno sola, ho capito che dovevo proseguire, perchè se può essere utile anche a qualcun altro è giusto continuare a farlo.
Come hai scoperto  Oltreilcancro?
Navigando su internet, mentre cercavo informazioni sulla mia malattia. 
Poi, leggendo i post degli autori dei vari blog, ho capito che mi sentivo a casa. Avevo trovato un luogo dove si parla liberamente, a volte anche con ironia, di cancro, questa parola che fa molta paura anche solo a nominarla, e mi hanno chiesto di entrarne a far parte con il mio blog.
Il blog serve come terapia per i pazienti, ma  può essere utile anche ai medici.
Infatti, dico spesso ai miei oncologi che dovrebbero leggere quello che scrivono i pazienti.
Quest'estate, ho anche conosciuto di persona una delle autrici del blog "ziaCris" ed è stato emozionante dare un volto a una persona con la quale avevo scambiato qualche commento e qualche mail.
Che messaggio di speranza ti senti di lasciare a chi ci sta leggendo e sta vivendo un'esperienza simile alla tua?
Sicuramente la prima cosa che mi sento di dire è che non bisogna arrendersi e lottare sempre, fino a quando ce n'è la possibilità. Di cancro si muore, è vero, anche alcuni autori e autrici di Oltreilcancro purtroppo non ce l'hanno fatta, ma si può anche guarire.  Ognuno lo affronta in modo diverso, io l'ho affrontato da arrabbiata. Ancora non ho fatto pace col cancro e neppure ho la certezza che un giorno la farò. Lo si affronta aggrappandosi a quello che si può. 
Per me, per reagire,  è stato fondamentale l'amore per i miei figli . Il cancro poteva rovinare la mia vita , ma non la loro.
Il messaggio che voglio lasciare ai miei figli, è che nella vita bisogna lottare e non arrendersi mai, qualunque difficoltà si incontri, sia essa una grave malattia o altro. Non bisogna lasciarsi abbattere, ma lottare sempre e comunque e questo è un insegnamento che voglio lasciar loro per la vita.
Nel augurarti in bocca al lupo per la tua seconda vita, vorrei concludere con un tuo brano
Il mio albero 
E' il  "mio" albero perchè in tutti questi  mesi 
è stato il mio "punto di riferimento", 
prima , riferimento per il tragitto perchè raggiungerlo significava
essere circa a metà dall'irst
poi è diventato il mio riferimento per quantificare 
il tempo che passa.
L'ho visto verde, nel pieno del vigore estivo, un anno fa.
Poi pian piano l'ho visto perdere le foglie con l'arrivo dell'autunno 
L'ho visto spoglio nel freddo grigiore dell'inverno
Poi l'ho rivisto ricoprirsi di timide foglioline verdi primaverili.
Ora?
Ora è di nuovo verde, un verdissimo verde estivo!
E io sono ancora qui che passo , lo ammiro nel suo splendore.
Per mesi vedrò il mio albero cambiare aspetto
e questo suo cambiare darà un "valore" al tempo
il tempo che passa e che dà un valore al "tanto"
un "tanto" che trascorre e dà un "tempo alla Vita"


Volete raccontarci la vostra storia?
scriveteci e vi contatteremo via mail
blog.amichescrittrici@gmail.com











4 commenti:

Noemi O. ha detto...

Ciao! So che avevo detto che sarei stata assente per un pò ma alla fine ho ceduto.... e infatti vorrei invitarti ad un BlogTour con ben 5 premi in palio.
Se passerai, ti ringrazio! ^^
http://emozionidiunamusa.blogspot.it/2014/11/il-volo-della-falena.html

Stefania Vitaliano ha detto...

Ho paura del cancro al seno dacchè ho 17anni e mi soffermo spesso nel web a leggere di chi ce l'ha fatta... e ogni volta non riesco a immaginare dove troverei la forza per combattere se mi capitasse.Grazie Annamaria per aver raccontanto di te e della tua battaglia.Un grosso augurio per tutto.

Lisa ha detto...

Una storia intensa e commovente. Soprattutto coraggiosa. Mi unisco anche io al grande augurio per Annamaria e per tutte le persone che, come lei, hanno affrontato e stanno affrontando il cancro o qualsiasi altra battaglia per vivere.

azzurrocielo ha detto...

grazie ragazze per le vostre parole, sono un incoraggiamento prezioso perchè ad una storia col cancro difficilmente si mette la parola fine, ma l'importante è esserci.
Annamaria

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...